Moana Pozzi è morta da un sacco di tempo e ancora non abbiamo capito niente di lei

Moana Pozzi è morta da un sacco di tempo e ancora non abbiamo capito niente di lei


Moana Pozzi è morta 23 anni fa esatti, in un 15 settembre mite quando ancora non eravamo abituati agli acquazzoni tropicali di fine estate. Aveva 33 anni, guadagnava circa 60 milioni di lire al mese e si sentiva molto insicura sul suo futuro. La sua casa di Roma era vuota già da dopo Ferragosto, le sue piante le annaffiava Amor, il fedele domestico filippino, perché lei si trovava a Lione in una clinica dove nessuno l’avrebbe riconosciuta. Ed è lì che ha esalato l’ultimo respiro. Il suo cagnolino Pallino, un bianco, minuscolo e pavido barboncino impossibile da carezzare, era con lei e l’avrebbe seguita anche nell’aldilà, poco dopo. Sono passati più di due decenni, il mercato della pornografia è completamente cambiato, eppure la gente si interroga ancora su di lei e si pone la domanda cruciale: chi era Moana Pozzi, davvero? Perché, dopo così tanto tempo, molto dei misteri che circondano la figura della pornostar italiana più amata sono irrisolti? Perché il suo personaggio è ancora così prepotentemente vivo da costringere la Disney a cambiare il nome di un cartoon omonimo, e una copia della sua biografia viene venduta su Ebay a prezzi proibitivi? Vediamoli uno per uno.

La relazione con Bettino Craxi. Nella sua biografia, La filosofia di Moana, la pornostar genovese non aveva voluto scrivere il nome dell’uomo politico importante con cui aveva vissuto una storia d’amore. Ma con amici e collaboratori ne parlava liberamente e alludeva chiaramente che si trattasse dell’ex presidente del Consiglio del PSI. Quando Craxi è caduto in disgrazia ed è fuggito ad Hammamet, in Tunisia, Moana disse di aver tirato un sospiro di sollievo congratulandosi con se stessa per non averlo citato apertamente nel libro. Di sicuro, riguardo questa presunta relazione, c’è almeno una leggenda che ha portato con sé nella tomba (ammesso che ce ne sia una): è quella secondo cui l’ex presidente del Consiglio del Psi le avrebbe pagato tutti i ritocchi su viso e corpo in Svizzera, da qualche discepolo di Arpad Fisher, il mago della chirurgia estetica (continua a leggere Moana Pozzi è morta

su marieclaire.it).